domenica 30 dicembre 2007

Viaggetto virtuale di fine anno

Accendete le casse, tenete premuto il tasto destro in basso e... buon viaggio
http://framboise78.free.fr/Paris.htm



sabato 29 dicembre 2007

Regali


Dai, tutti i libri che avete ricevuto a Natale o nelle feste li segnate qui?

Comincio io:
J.Hillman, Il codice dell'anima

Y.Khadra, Le sirene di Baghdad

M.Barbery, L'eleganza del riccio

J.Marsden, Ho così tanto da dirti *

M.A.Murail, Baby-sitter blues *

G.Sgardoli, Kaspar, il bravo soldato *

B.Lowry, Con tanto amore, Georgia *

A.Thorn, Obbligo o verità? *


* Letteratura per ragazzi (ma non solo...)

Dal Giappone, con amore... (seconda parte)

Konnichiwa,
anche oggi Light Yuci vi parlerà dei manga
Eravamo rimasti alla pubblicazione dei capitoli nelle riviste, bene... dopo che i manga hanno raggiunto un numero di capitoli sufficiente, gli stessi vengono pubblicati in un unico tankoubon (= volumetto)!

Molto spesso, se un manga ha successo, viene prodotto anche l'Anime, cioè il cartone animato (a volte però, succede che da un Anime di successo venga tratto il fumetto) e di seguito i gadgets!
Inoltre, i manga di successo vengono pubblicati anche in altre nazioni da case editrici specializzate.
Qui da noi viene pubblicata una grande quantità di fumetti giapponesi diversi! Purtroppo però non sono molto economici (arrivano a costare anche 5,50 €) e spesso la qualità è scarsa, quindi i fan italiani dei manga non sono molto soddisfatti e spesso, se sono a conoscenza di una lingua straniera, preferiscono acquistare online le edizioni francesi, tedesche, inglesi, che nonostante il costo elevato, sono molto curate! (Io invece, che non conosco ancora benissimo nè l'inglese, nè il tedesco, mi devo accontentare delle edizioni Italiane e ogni volta devo elemosinare dai miei !).

Alla prossima ~

Light Yuci

Romanzi e bullismo


A Natale mi è stato regalato, tra gli altri, un libro che ho appena concluso.
Obbligo o verità?

L'autrice è Annika Thor che racconta una storia di bullismo al femminile. La vicenda si dipana attraverso una serie di flashback e un crescendo di emozioni e situazioni vissute dalla protagonista Nora, una ragazzina di dodici anni, delusa e abbandonata dalla ex migliore amica. Al centro del libro sta un evento preciso, una festa (organizzata dalla ex migliore amica di Nora) durante la quale si consuma un atto di prevaricazione e violenza psicologica ai danni della bruttina del gruppo, Karin.
Lo stesso tema viene trattato in un libro che ha più di vent’anni Ladre di regali di Aidan Chambers.
Le vittime, anche qui dodicenni, Lucy e Lena, subiscono quotidianamente maltrattamenti, prese in giro, ricatti, furti da parte di compagne; si respira la paura che le immobilizza e impedisce loro di difendersi, di chiedere l'aiuto di insegnanti e genitori.
Soprattutto nel secondo libro il luogo in cui si consumano sopprusi, intimidazioni, beffe è la scuola che diventa per le ragazzine un incubo.
Sono due libri capaci di farci immedesimare nei personaggi perché trattano con realismo tematiche che coinvolgono i ragazzi in momenti in cui hanno difficoltà ad essere accettati per quello che sono o sono oggetto di pregiudizi e atti di bullismo.

venerdì 28 dicembre 2007

Banco LibEro

Una nostra assidua lettrice in un commento mi ha dato lo spunto per questo post.
Ha citato BANCO LIBERO, una straordinaria opportunità che tutti noi, che viviamo in questa zona, abbiamo.

Prima di buttare via un libro, un cd, una videocassetta ecc… passa al Banco Lib(e)ro.
LE RISORSE CI FANNO VIVERE
IL PENSIERO CI FA CRESCERE


Avete dei libri che non vi interessano più? Volete regalarvene altri? Sì, ho detto proprio REGALARVENE...
Se andrete al Banco lib(e)ro, potrete scegliere e portar via gratis 5 libri ogni volta!
E troverete anche libri fuori edizione, difficili da reperire.
Per gli orari guardate qui .

giovedì 27 dicembre 2007

IL DIDITI’

In questi giorni di relax è più che mai piacevole immergersi nei libri. Mi è capitato tra le mani questo racconto (che avevo sentito in un reading) tratto da Bar sport duemila, Feltrinelli, Milano, 1997 di STEFANO BENNI.
E' l'esilerante ritratto del DIDITI’, O IL DROGATO DA TELEFONINO. Image Hosted by ImageShack.us

Quanto vi riconoscete? Che rapporto avete con il telefonino?

"Creatura recentemente apparsa ma ormai tristemente nota. Il suo dramma non è il cellulare, ma la dipendenza, cioè il non saper rinunciare al telefonino nei luoghi più improbabili e nelle situazioni più scomode. Per questa ragione è detto DDT, ovvero Drogato Da Telefonino.
Ad esempio, il DDT è appena entrato nel bar e il cellulare trilla mentre sta bevendo un cappuccino. Il DDT continua a bere con la destra e risponde con la sinistra, oppure intinge il cellulare nella tazza e si attacca una brioche all’orecchio. Va alla toilette telefonando, e dentro si odono rumori molesti, sciabordio, e schianti dovuti alla difficoltà di compiere certe operazioni con una mano sola. Spesso quando esce ha il cellulare grondante e strane macchie sui pantaloni. Inoltre ogni anno circa duemila telefonini spariscono in turche o gorghi porcellanati. Una leggenda metropolitana li vuole clonati e usati dai ratti di fogna al posto della comunicazione ultrasonica. Il DDT risponde in qualsiasi situazione, posizione e occasione. La sua prerogativa è infatti “l’effetto Colt”: non può sentire un trillo senza estrarre di tasca l’arma, vive sempre all’erta come un pistolero, risponde velocissimo non solo al trillo del suo cellulare, ma anche a quello del vicino, al trillo della cassa, ai trilli dei telefoni in televisione e, in campagna, anche al canto dei grilli.
Ma soprattutto due sono le situazioni in cui la nevrosi del DDT esplode in tutta la sua violenza. La prima è quando è a una tavolata di ristorante e ha lasciato il cellulare nel cappotto. Udendo il trillo fatidico, che riconosce tra gli altri come il vagito del primogenito, balza sul tavolo, calpesta antipasti, rovescia sedie, ribalta tavoli e parte come una belva verso l’attaccapanni. Qua butta in aria pellicce e cappotti altrui, a volte per far prima li squarcia con un coltello, infila la mano nella fodera, sbaglia tasca, bestemmia e raggiunge il celulare non appena questo ha smesso di trillare. A questo punto lo porta con sé sul tavolo, parcheggiandolo vicino al piatto. Dopodiché lo oserverà con odio tutta la sera, perché il cellulare resterà silenzioso, e suonerà solo una volta rimesso nel cappotto.
Un altro evento che mette in crisi il cellularista DDT è quando si accorge che nel locale il telefonino non riceve il segnale. Questo lo atterrisce come se gli si fermasse lo stimolatore cardiaco. Il DDT inizia a percorrere in lungo e largo la stanza, striscia contro i muri, sale sui tavoli, salta come un canguro alla disperata ricerca di un segno di vita della sua creatura. Spesso si può vedere il DDT in una delle seguenti posizioni:
a. modello “Statua della libertà”, in piedi sul tavolo col telefonino innalzato verso il soffitto;
b. modello “Gogna”, con mezzo busto fuori dalla finestra, braccio proteso e mezzo congelato;
c. modello “Frontiera”, deambulante avanti e indietro attraverso la porta, in un vortice di spifferi e proteste;
d. modello “Fisherman”, col cellulare legato a una canna da pesca infilata nello spioncino dell’aerazione in alto a destra;
e. modello “Delega”, nervosissimo dopo aver pagato un ragazzino perché gli tenga il cellulare fuori dal locale. La percentuale di restituzione è del cinquanta per cento, ma pur di avere il telefonino in funzione il DDT corre questo rischio;
f. modello “Eremita”, seduto sul cesso tutta la sera perché lì è l’unico punto dove riceve."

mercoledì 26 dicembre 2007

... può essere che il tizio abbia un po' esagerato...?

Voi che ne dite? E tutti questi Babbo Natale che si arrampicano sulle grondaie? Ma non si calavano dai camini???


venerdì 21 dicembre 2007

“E' proprio vero che basta poco per essere felici. Noi per esempio...”

HIGH SCHOOL MUSICAL 2


Un film che ha impressionato milioni di ragazzi in tutto il mondo, ma cos'ha di speciale? Ve lo diciamo noi! Molti penseranno che sia la solita copia di High School Musical. Ma non è così, seguiteci nel nostro mondo...
Se vi aspettavate un sequel tra i banchi di scuola, vi sbagliate di grosso!!! Infatti la scuola è finita, l'estate è appena incominciata e l'avventura inizia adesso!!!
“What time is it? It's summer time. It's your vacation!”
WHAT TIME IS IT?
TRAMA
Durante le vacanze estive, la squadra dei Wildcats si prepara a divertirsi per le vacanze e a guadagnare un po' di soldi con qualche lavoretto estivo.
Troy Bolton trova un lavoro al country club, Lava Springs, ignaro del fatto che tutto ciò è opera di Sharpay per allontanarlo da Gabriella. Ma Troy non solo aiuta Gabriella nella ricerca di un lavoro come bagnina, ma riesce a trovare un impiego anche per Chad, Taylor, Zeke, Martha, Kelsi, Jason e il resto dei suoi amici.
La furia di Sharpay è accresciuta dalla scoperta che Kelsi sta lavorando ad un duetto per Troy e Gabriella che verrà sicuramente eseguito al club annuale di Midsummer Night's Talent Show. Sharpay, già scioccata dalla delusione nello show invernale, è disposta a tutto pur di prendersi una rivincita e forma una sua compagnia.
I dissidi che Sharpay alimenta tra Gabriella e Troy (un ragazzo fantastico!) son destinati però a risolversi in una bolla di sapone. Dopo varie litigate fanno pace e trascorrono il resto delle vacanze felici e insieme con i loro amici.
Bello, eh ??
Vi sollecitiamo a esprimere giudizi, sia che siano negativi che positivi! (Si spera positivi)
Ciao a tutti!

P.S Una notizia formidabile!!! Ci sarà anche High School Musical 3, solo che la vicenda verrà ambientata all'università! Un nuovo anno per Zac e i suoi amici!! Per lasciarvi col fiato sospeso vi anticipiamo che il ruolo di Gabriella sarà interpretato da una nuova star...

Betta'94, Achilli'94, Maia'95

giovedì 20 dicembre 2007

Queste sono le ultime due ore di laboratorio prima delle vacanze natalizie!

(Noi ci stiamo rimpinzando di pasticcini, eheheh)

Prima di andare però, desideriamo augurarvi

Image Hosted by ImageShack.us



Sabri
, Anna e tutti gli autori!

L' atletica con le protesi

Adoro l' atletica e ammiro Oscar Pistorius, atleta con le protesi di carbonio.
Spero vivamente che Oscar abbia il consenso dei giudici a partecipare alle Olimpiadi di Pechino.




Ceccufeagne

Realtà & magia




Vorrei confutare la convinzione da parte di molti che la magia non esista.
Harry Potter insegna che i maghi possono esistere ma semplicemente non li vediamo.
Se esistono è... il massimo! E anch' io vorrei diventarlo.
I maghi secondo me sono affascinanti perchè avvolti dal mistero; possono essere gentili con la faccia da diavolo o malefici con la faccia d'angelo.
Saper usare la magia risolverebbe molti problemi nella vita; per esempio la mamma riassetterebbe la casa in un batter d'occhio o risparmieremmo i soldi per i motorini e la benzina usando scope volanti.
Nel mondo della magia esistono anche gnomi, elfi, nani e altre creature.
Adesso riporterò un pezzo del libro Harry Potter e il prigioniero di Azkabam in cui Harry sta svolgendo un compito sui roghi di streghe nel quattordicesimo secolo e sul perchè si rivelarono inutili:
''La penna si arrestò all' inizio di un paragrafo promettente. Harry si spinse sù per il naso gli occhiali rotondi, avvicinò la torcia al libro e lesse:
Nel Medioevo, i non-maghi (comunemente noti come Babbani) nutrivano un particolare timore per la magia, ma non erano molto abili nel riconoscerla. Nelle rare occasioni in cui catturavano una vera strega o un vero mago, i roghi non avevano comunque alcun effetto. La strega o il mago eseguivano un semplice Incantesimo Freddafiamma e poi fingevano di urlare di dolore mentre in realtà provavano una piacevole sensazione di solletico. Guendalina la Guercia era così contenta di farsi bruciare che si lasciò catturare non meno di 47 volte sotto vari travestimenti.”
Questo e solo un assaggio di quanto può essere bello diventare o essere un mago.
Non esiste solo lui ma anche Il Signore degli Anelli e altri fantastici libri con tante altre creature che... potrebbero esistere.



Torak

Benvenuto, Stephane!

Stephane.
Un bel nome vero? Viene dalla Costa d'Avorio. E' da circa tre settimane il nostro nuovo compagno di classe; un "lord", come lo definiscono i prof, per i modi gentili ed educati.
Inizialmente con lui comunicavamo a gesti perchè parlava solo il francese e solo pochi di noi conoscono questa lingua.
Per nostra fortuna è Stephane che sta imparando in fretta l'italiano, e ora riusciamo a parlare con lui senza dover fare un "saltino" a Parigi ogni due minuti!
Stephane si è rivelato molto simpatico e divertente e anche noi gli piacciamo un sacco!


Image Hosted by ImageShack.us

NBA


L' NBA è la lega più ambita dai giocatori di basket di tutto il mondo.
I due giocatori che ci rappresentano negli states sono Andrea Bargnani e Marco Belinelli.
Le squadre si dividono in due conference. Esse sono:
Western e Eastern.
Le squadre del Western Conference sono:
Seatle Sonnics
Sortland Trail Blazer
Sacramento Kings
Golden State Warriors
Los Langeles Leakers
Los Langeles Clippers
Phoenix Suns
San Antonio Spurs
Houston Rokets
N ew Orleans Ornets
Dallas Mavericks
Menphis Grizzles
Utah Jazz
Denver Nuggets
Minesota Timberwolves
Le squadre dell'Estern Conference sono:
Miwaky Buks
Detroit Pistons
Toronto Raptors
Philadelfia 76ers
Boston celtics
New York Kniks
New Jersy Nets
Washinton Wizard
Atlanta Hawks
Charlotte Bobcats
Orlando Magic
Miami Heat
Indiana Peacers
Chicago Bulls
Scriveteci cosa ne pensate di questo sport e quale sport praticate.



BAD BOY'95, CITA'95

mercoledì 19 dicembre 2007

Le frasi celebri che mi sento ripetere

Una di voi, che preferisce mantenere l'anonimato , ha fatto queste riflessioni sulle raccomandazioni più frequenti che si sente ripetere dalla dolce mamma.


Mia madre (alias la vecchia).Image Hosted by ImageShack.usdice sempre le stesse cose, quindi non la sto a sentire perchè mi fa smarrire il mio preziosissimo tempo.
La vecchia crede di dire delle cose molto sagge però secondo me non è molto brillante ripetermi ogni giorno di mettermi le mollette per i capelli perchè altrimenti me li taglia.
Questa è la sua frase preferita ed è quella che mi fa incavolare di brutto.
Mi verrebbe voglia di risponderle male e il più delle volte lo faccio, ogni volta mia madre si mette a urlare dicendomi di non permettermi di rispondere male a una persona più grande di me, allora io vorrei dirle che lei non è più grande di me ma... più vecchia.
Se dicessi ciò però si metterebbe a picchiarmi ingiustamente.
Ma Mrs.Sorriso predica un sacco di altre bestemmie come: “metti a posto”,”fai sparire il gatto”,”lavati i capelli” oppure “non litigare con tuo fratello”,”sii buona con tuo fratello”,”non pestare tuo fratello”,”non strozzare tuo fratello”.
Naturalmente io (che sono furba) rispondo sempre di sì in tono mieloso e continuo imperterrita la missione di abbattimento Marco.
Ovviamente mio fratello mi butta via con una pedata e la vecchia mi pesta con una ciabatta (la sua arma preferita).
Oltre a dovermi sorbire un sacco di raccomandazioni perfettamente inutili devo anche sopportare un sacco di appellativi poco simpatici con cui quella vecchia osa chiamarmi come
”brutta stupida”,”oca”,”infame”,”immonda”.
Comunque in verità non mi offendo veramente perchè so che mia madre (visto che è la mia nutrice) deve farsi rispettare e deve insegnarmi qualcosa, così io subisco paziente!


Conosco la mamma (è tutt'altro che vecchia!), conosco la figlia (è tutt'altro che vipera); è solo un riuscito esempio di testo umoristico su un argomento sul quale credo che ognuno di voi possa dir la sua.


"Non parlare con la bocca piena"; "Frega bene quando ti lavi i denti", "Mi raccomando, stai attento/a" ecc. ecc.
Qual è il vostro "tormentone" quotidiano? E come reagite?

Il MISTERO in 2^ A

"Oggi iniziamo con la... POESIA!" Anticipo entusiasta.

Le espressioni visive e verbali sono state le più varie, perlopiù di questo tenore...

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Ma siete ragazzi dalle infinite risorse e... ognuno di voi ha saputo mettersi in gioco condividendo con gli altri pillole di emozioni che poi ha variamente "assemblato"!

Queste tre chicche non sono solo di Laura, Vittorio e Alfredo ma di tutta la 2^A che lavorando insieme ha prodotto piccoli capolavori! Bravi ragazzi!

IL MISTERO

Zombie
oscurità
terrore
questo è mistero
paura assoluta
tombe lapidate e croci di Gesù
in un mare di petrolio e fango ultra liquidi.
Un omicidio
un libro di orrore e paura
abbandonato in un vuoto nero e pieno di nebbia oscura.

Laura


Il mistero è ciò che incuriosisce,
che attrae,
l’indecifrabile.
E’ l’ignoranza di ciò che si cela sotto un velo invisibile,
senza indizi,
l’ombra.
Vittorio


Paura, paura, paura.
È questo ciò che suscita il mistero.
E’ ciò che resta segreto.
È ciò che alimenta suspence,
è una voglia di restare nell’ombra,
è ciò che emana bellezza e mistero,
è ciò che non si riesce a trovare,
è ciò che da’ attrazione e paura,
è l’indecifrabile,
è quando una persona non sa quello che deve scoprire,
è qualcosa che devi scoprire senza indizi,
è ciò che si desidera scoprire
... il MISTERO
Alfredo

domenica 16 dicembre 2007

Dal Giappone, con amore... (prima parte)

Sono Light Yuci, una grande fan del Giappone e ho deciso di acculturare i lettori del Mai Bonsai con un po’ della fantastica cultura orientale! Per fare felici tutti voi partirò con qualcosa di semplice come... i manga! "Cosa sono i manga? "vi chiederete ... per qualcuno i manga sono dei semplici fumetti giapponesi... per me sono molto di più!

Questi fumetti sono famosi in Giappone quanto qui lo è Topolino e vengono pubblicati un capitolo alla volta su riviste (che sono concepite come “usa e getta”, perchè servono solamente a farsi un’idea dei vari manga e per questo per realizzarle vengono usati inchiostri e carta di bassa qualità ) a seconda del target d’età e del genere (manga per ragazzi, manga per ragazze, manga per donne...).

Esistono davvero tantissime riviste che pubblicano i manga, le più famose sono:

Shonen Jump! Una rivista di shonen, cioè di manga indirizzati ad un pubblico maschile, che parlano di guerra, mafia, guerrieri, sport... In questa rivista sono stati pubblicati i manga di Naruto, Dragon Ball, Yu-Gi-Oh!, One Piece...

Ribon, una rivista che pubblica shoujo, cioè manga indirizzati ad un pubblico femminile, per bambine dagli 8 agli 11 anni. I manga pubblicati sono storie di fatine, streghette, amori etc.. e i personaggi sono molto kawaii! (dolci), con gli occhioni grandi e sbrilluccicanti. Spesso alla rivista viene allegato uno o più gadgets, come agendine, matite, borsette, trucchi..., su questa rivista sono stati pubblicati Tokyo Mew Mew, Kodomo no Omocha(Rossana), Marmalade Boy (piccoli problemi di cuore), Gals! ...

Cookie, pubblica sempre shoujo, ma indirizzati ad un pubblico che generalmente varia dai 12 ai 17 anni. E’ nata negli ultimi anni...


Oltre a queste ne esistono tantissime altre!!
Qui sotto vi lascio i link, oltre a quelli delle riviste sopra elecate, di alcune riviste:

Shonen Jump: http://jump.shueisha.co.jp/home.html
Ribon: http://ribon.shueisha.co.jp
Cookie: http://cookie.shueisha.co.jp
Nakayoshi: http://www.nakayosi-net.com
Hana to Yume:
http://www.hanayume.com/hanayume

LIGHT YUCI

P.S.:i siti sono in Giapponese!!

(fine prima parte)

Che ne pensate dei cartoni di oggi?



I cartoni di oggi non sono più educativi come un tempo (siamo fatti così!)
Prendiamo in considerazione un cartone animato a caso: “Dora l' esploratrice”.
Vi sembra normale scacciare un ladro dicendogli: -Suiper, non rubare!!!-.
Ma noi ci chiediamo: è possibile una cosa del genere?!?!?!
Se si trovano davanti un ladro, cosa diranno i bambini che guardano questo cartone animato demenziale...? -Suiper, non rubare-? ma che diavolo!!!
Oppure, quando ci chiede, con aria intelligente: -Qual'è stata la tua parte preferita? - In questo caso diremmo: -QUANDO STAI ZITTA!!!-
E lei ci risponderebbe: -E' piaciuto anche a me!!!...
Dopo aver riflettuto a lungo abbiamo concluso che questo cartone dovrebbe essere abolito e censurato!!!
SONDAGGIO:
Secondo voi Dora è stupidotta o scemotta?
BAD BOY'95, LIGHT YUCY e CITA'95

sabato 15 dicembre 2007

Voi usate ancora l'orologio per sapere l'ora esatta?

Che ora è? La cosa migliore e’ domandarlo a mr. Time, lui la sa… sempre!

Un filmato che ha come protagonista un buffo individuo (un parente di Homar Simpson?).

Le “preziose” perle di saggezza dette prima della comunicazione dell’ora esatta faranno sbellicare dalle risate !!!



venerdì 14 dicembre 2007

Cjase Cocel


Cjase Cocèl è un "eco-museo"che si occupa di studiare, conservare, valorizzare e presentare la memoria collettiva della nostra comunità.
E’ a pochi passi dalla nostra scuola e per noi questa struttura prevede degli interessanti laboratori: la vendemmia, la coltura del baco da seta, la tessitura... insomma un luogo dove imparare molte cose!!!
Nel cortile di Cjase Cocèl si svolgono anche altre manifestazioni come la festa della trebbiatura, la festa della zucca ed altre feste paesane.

Attraverso questo link entrate in quasi tutti gli ambienti della casa.

Bad Boy '95 e Cita '95


giovedì 13 dicembre 2007

Brevissimo filmato dell'incontro con Paola Zannoner

video

Ciclismo: che passione!

Sono un ciclista esordiente di 12 anni. Ho cominciato a praticare questo sport a 7 anni e per mia sfortuna allora avevo il rapporto più piccolo degli altri, così il primo anno era rovinato!
Ora che sono abbastanza esperto e che sono diventato forte sono anche determinato a proseguire con questo sport per diventare un ciclista professionista.
Il mio modello è DANILO DI LUCA, il corridore che ha vinto il 90° giro d'Italia.
Su di lui è in corso un’inchiesta perché sospettato di aver fatto uso di sostanze doppanti.
Io voglio pensare che non sia così!
Intanto però si è beccato 3 mesi di squalifica per aver sfruttato il suo medico per il controllo anti dopping.
Sono impaziente di rivederlo in pista!
Voi che idea vi siete fatti sulla questione?

Puffo '95

... da quassù!



Va bene, è una scuola... ma dove trovate una scuola con una vista panoramica così?

E quando abbiamo scattato la foto non era nemmeno una di quelle giornate limpide e terse in cui si riesce a vedere anche il mare!

mercoledì 12 dicembre 2007

La vita senza gatti è censurata!

Image Hosted by ImageShack.us



Come sarebbe la vita senza i gatti?
Sarebbe davvero una vita cupa e orribile.
Come può qualcuno pensare di sopravvivere senza un ruffianetto micio che lo disturba continuamente per delle soffici coccoline?? Io su questo argomento ho un'opinione tutta mia.
Sono sicura che tutti nel mondo prima o poi pensano a come sarebbe meraviglioso vivere in simbiosi con un pelosissimo gattino: io ci penso ogni santissimo giorno.
Devo ammettere però che nella mia vita conosco un sacco di persone che mi vorrebbero uccidere per queste fantastiche paroline: a partire del mio papone!
Lui ce l'ha con la specie felina solo perchè il gatto gli ha innaffiato la scrivania con un po' di innocua URINA! (puà, che roba!).
Comunque a sostenere la mia teoria rimane il fatto che il suddetto papone, quando il “piccolo diavolo”gli si accoccola sulle ginocchia, non è affatto dispiaciuto! (hi,hi,hi,)
In più ho trovato 10 motivi per i quali si può VENERARE un gatto:
1-Sono davvero fascinosi con il loro pelo morbido e soffice!
2-Sono adorabilmente dannosi!
3-Si possono coccolare fino allo svenimento, come se fossero pupazzi!
4-Quando hai freddo il loro caldo pelo è sempre pronto a scaldarti!
5-Quando sei arrabbiato un micio è sempre pronto a metterti di buon umore con i suoi dolci miagolii e le sue tenere coccoline.
6-I loro occhi sono straordinariamente dolcissimi!
7-Sono sempre fra i piedi!
8-Non possono spifferare i segreti che vengono loro confidati!
9-Non sono fedeli ma prima o poi ritornano sempre a casa!
10-Sono gatti e questo basta per considerarli degli DEI!
Penso che ora abbiate capito che io non sono solo una fanatica dei gatti, sono di più!!
I gatti sono la mia ragione di vita!(ovviamente insieme alla nutella e a hello kitty!)

Hello Marty








Nel caso in cui nessuno ti abbia ancora sorriso oggi... aspetta un momento...

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 6 dicembre 2007

IL LIBRO

Ha onde di carta leggera,
ha righe che sono orizzonti,

ti getta in una bufera,
ti salva con isole e ponti.
Ti sta in una mano ma è grande,
ti sta fra le dita ma è fondo,
ti semina in testa domande,
ti spiega il gioco del mondo.
Lo apri, e lui apre te.
Lo chiudi, però resta aperto.
E' come un amico che c'è:
fedele, socievole, certo.


Roberto Piumini


E' aperto il dibattito!
Vi è mai capitato di aver chiuso un libro e di essere "inseguiti" da idee, argomenti o da personaggi quasi impigliati "nelle fibre dei vostri vestiti"?
C'è un libro che vi ha lasciato la traccia di emozioni, che è stato un "amico" per voi, che vi ha "seminato" in testa domande?

INCONTRO CON L'AUTRICE: Paola Zannoner

Eccoci finalmente qui!
Dopo un decollo stentato (settimane e settimane con Internet fuori uso!!!) prende avvio questa avventura!
E perchè non partire dall'incontro con Paola Zannoner?
La sera stessa del suo ritorno a casa ha commentato così sul suo blog l'esperienza con noi:



mercoledì, 28 novembre 2007
grazie
Quando un forte sentimento di empatia accomuna scrittore e lettori, l'atmosfera si fa tesa, attenta e partecipativa, e circolano energie che riesco a percepire e che mi caricano di entusiasmo.
In questo modo sono in grado di trasmettere l'autentica passione per la letteratura e sento distintamente che questa passione arriva diretta ai lettori.
Ecco cosa succede quando un incontro tra lettori (tra i quali c'è l'autore-lettore) funziona, e funziona soprattutto se è stato preparato e atteso, vissuto con gioia e trepidazione, come per tutte le cose belle e importanti, come un appuntamento con un innamorato o con una persona carissima, tanto desiderata.
Questa magia si è realizzata in questi giorni nella provincia di Udine, a Pagnacco e Fagagna, dove tutti, dalle dirigenti scolastiche, ai docenti, agli studenti, hanno partecipato al progetto, ciascuno contribuendo con grande disponibilità e gioia alla realizzazione degli incontri: quando gli adulti dimostrano per primi entusiasmo e attribuiscono importanza al progetto, allora i ragazzi si lasciano trascinare e si trovano pienamente coinvolti.
In più, la responsabile del progetto lettura Laura Sanna, ha interessato la Biblioteca Civica e la facoltà di Scienze della Formazione di Udine, dimostrando come si possa costruire una produttiva collaborazione tra scuola, ente pubblico e università.
Questo post è di infinito ringraziamento al grande calore dimostrato dai ragazzi e dagli insegnanti, e dal loro stupendo regalo di una tavola realizzata appositamente per questa iniziativa dall'illustratrice Oriana Cocetta e utilizzata in tutti i materiali con cui è stata pubblicizzata l'iniziativa: se riesco a fotografarla bene, provo a pubblicarla!
GRAZIE!


Ragazzi, che dire? Siete stati eccezionali! Un grazie anche dai vostri prof.!


clicca per ingrandire ... evvai con le domande!
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire ... il rito dell'autografo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...